I cibi fermentati sotto la lente

0

YOGURT

La sua consistenza cremosa e il tipico sapore dolce e acidulo sono dovuti all’azione di fermenti lattici specifici (Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus) che, proliferando, modificano le caratteristiche intrinseche del latte, rendendolo più digeribile. Il processo di fermentazione trasforma parzialmente il lattosio in acido lattico: lo streptococcus lavora per primo, creando le condizioni affinché il lactobacillus completi la scissione del lattosio in glucosio e galattosio.  Il valore nutrizionale dello yogurt varia in base al tipo di latte utilizzato (scremato, parzialmente scremato e intero): si va dalle 36 calorie alle 65 calorie per etto. Le proteine, invece, sono circa 3,5 g per etto.

 

LATTE FERMENTATO PROBIOTICO

Questa è la definizione legale del “cugino” dello yogurt tradizionale. La differenza sostanziale sta nella scelta dei fermenti lattici probiotici (per esempio, Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus casei, Lactobacillus lactis e Bifidobacterium bifidum) che, a differenza dei due ceppi di fermenti utilizzati nello yogurt tradizionale, sopportano meglio l’acidità dei succhi gastrici, riuscendo a riprodursi nel tratto gastrointestinale. Trattandosi di batteri generalmente già presenti nel corpo umano, riescono a favorire l’equilibrio della flora batterica, esercitando un’azione positiva sul benessere di tutto l’organismo.

 

KEFIR

È un latte fermentato di origine caucasica, ottenuto dalla fermentazione del latte ad opera dei grani di kefir, complessi formati da polisaccaridi e colonie di batteri e lieviti. Contiene circa lo 0,8% di acido lattico (e pochissimo lattosio), ha un gusto fresco e acidulo e un valore nutrizionale paragonabile allo yogurt. A seconda delle diverse modalità di fermentazione, può avere un piccolo contenuto di CO2 e di alcol dovuti entrambi ai processi fermentativi dei lieviti.

 

CRAUTI

Sono una preparazione a base di cavolo cappuccio tagliato a piccole strisce e sottoposto a fermentazione lattica naturale controllata (per circa due mesi) con aggiunta di sale, pepe e aromi. Il procedimento, nato principalmente come metodo di conservazione, conferisce a questa specialità il tipico sapore deciso e un po’ aspro. I crauti non sono solo appetitosi, ma favoriscono la digestione e arricchiscono la flora intestinale.

 

TEMPEH

Lo conoscono molto bene i vegetariani che lo considerano una bistecca vegetale grazie al suo alto contenuto proteico (20 g circa per etto). È un panetto compatto, costituito interamente da semi di soia gialla cotti e fermentati mediante le spore del fungo Rhizopus Oligosporus che gli regalano l’ottima digeribilità e favoriscono l’assimilazione degli aminoacidi, scongiurando il tipico gonfiore addominale dei legumi. Ha un sapore intenso e stuzzicante che ricorda una combinazione tra noci e funghi. Si acquista nei negozi di alimentazione naturale.

 

GORGONZOLA

È un formaggio molle a pasta cruda che appartiene alla famiglia degli erborinati. Si ottiene utilizzando esclusivamente latte intero pastorizzato cui si aggiungono fermenti lattici, caglio e spore di penicilli. Grazie alla fermentazione cui è sottoposto diventa digeribilissimo e perde naturalmente il lattosio, per cui è adatto anche agli intolleranti a questo zucchero. I fermenti lattici, le muffe e le sostanze prodotte dal loro metabolismo hanno un’influenza positiva sulla flora batterica intestinale.

 

BIRRA

È ottenuta dalla fermentazione di mosto (a base di malto d’orzo), aromatizzata e amaricata con luppolo. Viene prodotta attraverso la fermentazione alcolica con ceppi di Saccharomyces cerevisiae o Saccharomyces carlsbergensis che identificano, rispettivamente, le birre denominate “Ale” e le “Lager”. Sovrappeso, diabete e ipertensione sono le indicazioni su cui la birra ha dimostrato effetti positivi e provati scientificamente, ma – ovviamente – sempre con un consumo moderato!

 

Autore:

SAMANTHA BIALE, nutrizionista-diet coach e giornalista

 

Scarica il numero di Settembre 2017 de L’Attendibile:

CIBI FERMENTATI
I superpoteri dei cibi fermentati 

Yogurt, crauti, latte fermentato, birra, tempeh e Gorgonzola hanno in comune una caratteristica che li rende speciali per la salute: i fermenti lattici.
 
 
 
 
 
 

 
 

In questo numero de l’Attendibile:

I cibi fermentati sotto la lente

YOGURT La sua consistenza cremosa e il tipico sapore dolce e acidulo sono dovuti all’azione di fermenti lattici specifici (Lactobacillus ...
Leggi Tutto

Addio effetto yo-yo

Molte persone si sottopongono a diete drastiche, continuando a dimagrire e ingrassare svariate volte. Secondo uno studio dell’Istituto israeliano Weizmann, ...
Leggi Tutto

Quali probiotici per attivare il metabolismo?

Dallo studio delle comunità batteriche presenti nell’intestino, sono stati individuati specifici ceppi che, più di altri, promuovono gli effetti benefici ...
Leggi Tutto

Vive la différence!

Le osservazioni scientifiche mostrano che una persona magra e in forma possiede generalmente una microflora intestinale molto più ricca e ...
Leggi Tutto

La dieta probiotica, per dimagrire una volta per tutte

Il rapporto ideale tra batteri buoni e batteri indesiderati nell’intestino è indicativamente di 85:15. I batteri ‘buoni’, come il lactobacillus ...
Leggi Tutto

I super poteri dei cibi fermentati

Yogurt, crauti, latte fermentato, birra, tempeh e Gorgonzola hanno in comune una caratteristica che li rende speciali per la salute ...
Leggi Tutto
Condividi.

Commenti chiusi.