Quanto fa bene mangiare in famiglia

0

Estate: più tempo per se stessi e per coltivare sane abitudini, come quella di coinvolgere i figli nella preparazione dei pasti, da gustare insieme con calma. Infatti, se da un lato il coinvolgimento dei bambini nella formulazione e preparazione dei menu può essere, oltre che divertente, anche utile per favorire la conoscenza ed il consumo di alimenti salutari, come la frutta e la verdura,

d’altro canto diversi studi evidenziano l’esistenza di una associazione fra il numero di pasti consumati in famiglia e vari aspetti della salute e del benessere dei più giovani.

A titolo di esempio, in uno studio condotto negli USA su più di 16.000 ragazze e ragazzi, si è osservato che un frequente consumo di cene in famiglia era associato con migliori apporti nutrizionali, incluso un maggior consumo di frutta e verdura, un minor consumo di cibi fritti, di bibite zuccherate e di grassi saturi e trans, un maggior apporto di fibra e di micronutrienti con il cibo 1.

Risultati analoghi sono emersi anche in un altro studio, anch’esso condotto negli USA su più di 18.000 adolescenti, nel quale si è osservato che la presenza dei genitori al pasto serale era associata con un minor rischio di un basso consumo di frutta e verdura e di prodotti lattiero caseari e con una minore probabilità di saltare la colazione 2.

E’ evidente tuttavia che non basta che genitori e figli mangino insieme ma è anche importante che i menu siano nutrizionalmente adeguati, basati su una ampia varietà di alimenti salutari. Questo è compito dei genitori, come lo è dare, essi stessi per primi,il buon esempio. Condividere i pasti con i familiari sembra comunque avere sui ragazzi una serie di ripercussioni positive che van-no ben oltre le abitudini alimentari. In particolare, un elevato nu-mero di pasti in famiglia è stato associato, nelle ragazze, con un ridotto rischio di pratiche non salutari per il controllo del peso 3 e sembra essere un fattore protettivo verso comportamenti a rischio negli adolescenti 4.

D’altro canto, l’abituale condivisione dei pasti rappresenta uno degli strumenti principali per sviluppare e mantenere forti legami fra genitori e figli, e proprio questo è il punto saliente, come lo è l’atmosfera che “si respira” in famiglia che in un altro studio è risultata essere il fattore determinante nello spiegare l’associazione a un elevato consumo di pasti in famiglia ed una minore probabilità, negli adolescenti, di bere alcolici o di fumare 5.

Insomma, l’estate può rappresentare un’ottima occasione per stare insieme anche a tavola, per condividere sapori ed esperienze e dialogare, possibilmente senza distrazioni come la televisione, che potrebbe ridurre gli effetti benefici dei pasti consumati insieme.

Lo si è osservato in uno studio nel quale si è visto che gli adolescenti che guardavano la televisione durante i pasti in famiglia consumavano meno vegetali e meno alimenti ricchi di calcio e più bevande gasate rispetto a coloro che non avevano questa abitudine 6.

In sintesi, seppure queste osservazioni derivino per la maggior parte dagli Stati Uniti, dove le abitudini alimentari sono diverse dalle nostre e i pasti sono molto più destrutturati, esse possono comunque rappresentare un importante spunto di riflessione anche per noi.

Bibliografia

1. Gillman MW, et.al . Family dinner and diet quality among older children and adolescents. Arch Fam Med. 2000 Mar;9(3):235-40.

2. Tami M et al. Influences on adolescent eating pat-terns: the importance of family meals Journal of Adolescent Health Volume 32, Issue 5, Pages 365-373 (May 2003)

3. Neumark-Sztainer D. Et al. Family meals and disor-dered eating in adolescents: longitudinal findings from project EAT. Arch Pediatr Adolesc Med. 2008 Jan;162(1):17-22.

4. Fulkerson JA. Family dinner meal frequency and adolescent development: relationships with develop-mental assets and high-risk behaviors. J Adolesc Health. 2006 Sep;39(3):337-45. White J, Halliwell E.Alcohol and tobacco use during adolescence: the importance of the family mealtime environment. J Health Psychol. 2010 May;15(4):526-32.

6. Feldman S et al. Associations between watching TV during family meals and dietary intake among adolescents J Nutr Educ Behav. 2007 Sep-Oct;39(5):257-63.

Autore: Carla Favaro

Comitato scientifico

Articoli nel medesimo numero:

[catlist search="luglio2010" numberposts=10]

Share.

Comments are closed.