E alla fine, vissero tutti felici e contenti…

0

Che dire, in conclusione? Il consiglio di “non mangiare nulla di ciò che tua nonna non riconoscerebbe come cibo” come sostiene Michael Pollan, giornalista e saggista (considerato fra le 100 persone più influenti al mondo sulla questione della sana alimentazione) sembra essere quindi più che mai calzante!

Difficilmente latte, burro e formaggi lasceranno il posto d’onore che abbiamo riservato loro sulle nostre tavole: cappuccino del mattino, risotto mantecato con burro a crudo, insalata caprese e creme caramel sono sani e salvi…per la nostra gioia e di tutte le nonne rispettose del panetto di burro come fosse un lingotto d’oro!

 

La storia dei grassi parte da lontano…

C’era una volta il burro… Tanto buono, quanto temuto. Era il 13 gennaio del 1961, quando Ancel Keys, inventore delle razioni K per i soldati della Seconda Guerra Mondiale, comparve sulla copertina del Time Magazine. Keys aveva portato avanti lo studio Seven Countries Study (che prosegue ancora oggi) analizzando il rapporto tra alimentazione e malattie cardio-vascolari, causa principale di morte nei paesi dell’Occidente. Nelle sue conclusioni, Keys aveva individuato nei grassi le responsabilità maggiori, andando poi a scoprire e descrivere gli effetti sul colesterolo e la salute in generale. Dopo 50 anni, nel 2010, l’American Journal for Clinical Nutrition pubblicò un importante studio sui grassi, concludendo che “non vi sono evidenze scientifiche convincenti sul fatto che i grassi saturi causino problemi cardiaci. Né che il consumo di grassi saturi causi l’obesità”.
Anche gli Annals of Internal Medicine pubblicano negli stessi anni uno studio simile, comparandone decine di altri, che sostiene non solo l’infondatezza del legame tra grassi saturi e malattie cardiovascolari, ma che anzi una mancanza potrebbe addirittura essere dannosa. Il mondo scientifico continua a lavorare, ma il focus è chiaro: mangiamo meno, ma meglio!

 

1 I latticini: da nemici ad “amici del cuore”

 

2 Problemi alle coronarie? Forse non è passato in latteria!

 

3 Per alcuni, meglio INTERI…

 

4 …e per altri, meglio MAGRI

 

5 Il calcio è uno dei cardini della dieta DASH

 

6 Cari latticini, un grazie di… CUORE!

 

Autore:

SAMANTHA BIALE, nutrizionista-diet coach e giornalista

 

Scarica il numero di Aprile 2016 de L’Attendibile:

Cari latticini, un grazie di… CUORE!
Cari latticini, un grazie di… CUORE!

I tanto temuti grassi saturi non sono tutti uguali e, soprattutto, non hanno il medesimo effetto sull’organismo. Tutto dipende dalle quantità assunte, dall’equilibrio a tavola, ma anche dal cibo in cui sono contenuti…
 
 
 
 
 
 

Condividi.

Commenti chiusi.